Il congedo di Harun Farocki: i videogiochi e l'idea di realtà

{{progressBarText}}

{{detail.duration}} min (

{{detail.year}}

)
Disponibile fino al {{detail.dateOfExpiration}}

Torino (askanews) - La realtà e la sua rappresentazione: due termini che, dalle grotte di Lascaux fino alla più avanzate ricerche contemporanee, continuano ad accompagnare i ragionamenti sulle arti visive. Ma che succede quando la realtà non è più il punto di riferimento per le rappresentazioni? Su questo si è interrogato l'artista e regista tedesco Harun Farocki nel suo ultimo lavoro prima della morte.

Trailer Guarda

Torino (askanews) - La realtà e la sua rappresentazione: due termini che, dalle grotte di Lascaux fino alla più avanzate ricerche contemporanee, continuano ad accompagnare i ragionamenti sulle arti visive. Ma che succede quando la realtà non è più il punto di riferimento per le rappresentazioni? Su questo si è interrogato l'artista e regista tedesco Harun Farocki nel suo ultimo lavoro prima della morte.

Attenzione! Per vedere il video è necessaria l'app TIMvision

Incluso nell'abbonamento TIMvision

{{item.itemTitle}} a {{item.itemPrice}} €

{{item.itemDescription}}

Abbonati

opzioni di acquisto

Noleggia per 48h {{rentObject.discountedPrice}}€ {{rentObject.rentPrice}}€

Acquista {{buyObject.discountedPrice}}€ {{buyObject.buyPrice}}€

Contenuto non trovato