L'ambiguità delle Polaroid di Vanessa Beecroft a Palazzo Reale

{{progressBarText}}

{{detail.duration}} min (

{{detail.year}}

)
Disponibile fino al {{detail.dateOfExpiration}}

Milano (askanews) - Un confine non necessariamente definito è spesso il terreno su cui si muove l'arte contemporanea più interessante. Esattamente quello che accade con le Polaroid di Vanessa Beecroft esposte a Palazzo reale a Milano nell'ambito del Photo Vogue Festival, dove tra il glamour e lo sguardo dell'artista si rinnova il senso di un cortocircuito decisamente affascinante. Anche perché l'estetica della Beecroft nasce altrove, come lei stessa ci ha ribadito.

Trailer Guarda

Milano (askanews) - Un confine non necessariamente definito è spesso il terreno su cui si muove l'arte contemporanea più interessante. Esattamente quello che accade con le Polaroid di Vanessa Beecroft esposte a Palazzo reale a Milano nell'ambito del Photo Vogue Festival, dove tra il glamour e lo sguardo dell'artista si rinnova il senso di un cortocircuito decisamente affascinante. Anche perché l'estetica della Beecroft nasce altrove, come lei stessa ci ha ribadito.

Attenzione! Per vedere il video è necessaria l'app TIMvision

Incluso nell'abbonamento TIMvision

{{item.itemTitle}} a {{item.itemPrice}} €

{{item.itemDescription}}

Abbonati

opzioni di acquisto

Noleggia per 48h {{rentObject.discountedPrice}}€ {{rentObject.rentPrice}}€

Acquista {{buyObject.discountedPrice}}€ {{buyObject.buyPrice}}€

Contenuto non trovato