L'ambiguità delle Polaroid di Vanessa Beecroft a Palazzo Reale

{{progressBarText}}

{{detail.duration}} min (

{{detail.year}}

)
Disponibile fino al {{detail.dateOfExpiration}}

Milano (askanews) - Un confine non necessariamente definito è spesso il terreno su cui si muove l'arte contemporanea più interessante. Esattamente quello che accade con le Polaroid di Vanessa Beecroft esposte a Palazzo reale a Milano nell'ambito del Photo Vogue Festival, dove tra il glamour e lo sguardo dell'artista si rinnova il senso di un cortocircuito decisamente affascinante. Anche perché l'estetica della Beecroft nasce altrove, come lei stessa ci ha ribadito.

Trailer Guarda

Milano (askanews) - Un confine non necessariamente definito è spesso il terreno su cui si muove l'arte contemporanea più interessante. Esattamente quello che accade con le Polaroid di Vanessa Beecroft esposte a Palazzo reale a Milano nell'ambito del Photo Vogue Festival, dove tra il glamour e lo sguardo dell'artista si rinnova il senso di un cortocircuito decisamente affascinante. Anche perché l'estetica della Beecroft nasce altrove, come lei stessa ci ha ribadito.

Per guardare questo contenuto scarica l’app per smartphone o tablet

Incluso nell'abbonamento TIMvision

{{item.itemTitle}} a {{item.itemPrice}} €

{{item.itemDescription}}

Abbonati

opzioni di acquisto

Noleggia per 48h {{rentObject.discountedPrice}}€ {{rentObject.rentPrice}}€

Acquista {{buyObject.discountedPrice}}€ {{buyObject.buyPrice}}€

Contenuto non trovato